Accesso utente
Carrello
Il tuo carrello contiene
0 articoli
Afra

www.motorinolimits.com
Claudio Costa
10.04.2002
di Redazione
Il mitico, carismatico medico che mette in piedi e in moto i piloti del motomondiale e della Sbk ha scritto un volume autobiografico i cui proventi serviranno per finanziare la sua quinta Clinica Mobile. Il volume è in vendita on line sul sito della Ducati. Il Dr. Claudio Costa, il mitico medico "aggiusta piloti", che li rimette in piedi e in moto quando cadono, il fondatore della preziosa Clinica Mobile, nonché uno dei personaggi più carismatici e amati del paddock, ha scritto un libro, "dottorcosta", 352 pagine, 318 foto, edito in versione bilingue italiano/inglese da Editore Fucina. "dottorcosta", il titolo di questo volume autobiografico, è la prima parola che pronunciano i piloti quando sentono il dolore, è Claudio Costa accorre, di giorno e di notte, in Italia e in qualsiasi parte del mondo, salvando gambe e carriere. Anche se poi, spiega Costa, la medicina più potente del mondo è il "cuore" del malato e la sua capacità di non deludersi mai "riuscendo a cambiare traiettoria nelle curve della vita", come dice Alex Zanardi. Questo libro è una tesi: sul coraggio, sul dolore, sulla morte, sulla sfida individuo-collettivo. L'autore racconta i retroscena di cadute e guarigioni dei tanti campioni che ha curato in trent'anni di pista (1972-2002): da Jarno Saarinen a Valentino Rossi, passando per Mick Doohan, Giacomo Agostini, Wayne Gardner, Renzo Pasolini, Virginio Ferrari, Wayne Rainey, Loris Capirossi, Marco Melandri, Manuel Poggiali, Max Biaggi e tanti altri. Questo libro ci conduce attraverso la mente dei piloti per capire perché corrono, rischiano, cadono, tornano a correre ancora rotti. E racconta il mito della Clinica Mobile, l'ospedale itinerante da lui creato che segue i Gran Premi per assistere i piloti che si fanno male e che è un rifugio contro le ferite e anche contro il freddo della vita. Il ricavato della vendita di questo libro verrà utilizzato per finanziare la nuova Clinica Mobile, la quinta, dopo l'inaugurazione della prima nel 1977.